21
giu
Scritto da Alice in Ricette Tradizionali, Salse e Sughi

La Ricetta Originale del Ragù alla Bolognese

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (88 votes, average: 4,07 out of 5)
Loading ... Loading ...

Preparazione: circa 3 ore

Difficoltà:Ricetta facile

Il ragù alla bolognese è un ragù di carne gustoso e corposo che arriva dalla tradizione bolognese. Il ragù alla bolognese viene tipicamente usato per condire le tagliatelle all’uovo, ma anche altri tipi di pasta lunga; senza contare le lasagne, piatto tipico di Bologna che viene preparato con il ragù di carne e la pasta all’uovo tagliata in grossi rettangoli.

Ci sono molti modi per preparare il ragù alla bolognese, ma la ricetta originale del ragù alla bolognese è una sola ed è stata depositata presso la Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura di Bologna nel 1982, per garantire e preservare la tradizione di questo sugo di carne delizioso.

Vediamo insieme la vera ricetta del ragù alla bolognese per imparare a prepararlo come da tradizione.

Ingredienti per 4 persone:

  • 300 grammi di polpa di manzo
  • 100 grammi di pancetta di maiale dolce
  • ½ bicchiere di vino rosso (sangiovese secco)
  • 1 bicchiere di brodo di carne
  • 5 cucchiai di salsa di pomodoro (triplo o doppio concentrato)
  • 1 cipolla
  • 1 carota
  • 1 costa di sedano
  • olio extravergine di oliva
  • pepe q.b.
  • sale q.b.

Procedimento:

_Per prima cosa lava la carota e il sedano, poi sbuccia la cipolla e affetta finemente le verdure. Poi prendi una casseruola larga e dai bordi abbastanza alti e fai scaldare un cucchiaio di olio extravergine di oliva. Una volta che l’olio è caldo, fai soffriggere le verdure e il trito di pancetta.

_In seguito aggiungi la polpa di manzo tritata e fai rosolare per una decina di minuti. Poi versa il vino nella preparazione e mescola bene.

_Quando il vino sarà completamente evaporato, aggiungi la salsa di pomodoro e il brodo di carne e continua a mescolare. Regola di sale e pepe e fai cuocere a fuoco basso per circa due ore, mescolando ogni tanto. Una volta terminata la cottura, potrai usare il sugo per condire la pasta, le lasagne e altri piatti a tuo piacimento.

Curiosità: all’estero, il ragù alla bolognese è usato per condire gli spaghetti, i quali vengono chiamati spaghetti alla bolognese. In realtà, però, la tradizione di Bologna associa il ragù alle tagliatelle tipiche all’uovo bolognesi e non agli spaghetti, quindi questa ricetta si può considerare errata.

[Immagine]

Vedi anche:

Tag articolo
12 Commenti a “La Ricetta Originale del Ragù alla Bolognese”
  • 1 fiorenzo
    30 marzo 2011 | 23:15

    Questa ricetta è fantastica!!!!!! Questo è il ragù fatto in casa che cercavo!… Grazieeeeeeeeeee!!!!

  • 2 franco presciutti
    7 maggio 2011 | 16:22

    quando le verdure su citate si sono appassite aggiungo un dado vegetale all’olio e la pancetta dolce quindi metto a rosolare il trito di carne con una punta di cucchiaino da caffe’ ti timo quindi aggiungo il sangiovese e ad evaporazione raggiunta aggiungo il passato di pomodoro e acqua bollente e lascio cuocere a fuoco basso per circa due ore aggiusto di sale e pepe macinato al momento

  • 3 giuliano
    5 novembre 2011 | 18:53

    Questa ricetta è molto valida ma con piccoli accorgimenti puo essere migliorata..come?? inanzi tutto le verdure possono essere frullate o macinate ,la carne macinata puo essere leggermente salata prima di aggiungere il vino rosso…è vololendo si puo anche aggiungere una o due foglie di alloro per aromatizzare! Cosa ne pensate?

  • 4 rajni
    4 maggio 2012 | 19:44

    grazie mille

  • 5 Irina
    3 novembre 2012 | 14:47

    e non agli spaghetti, quindi questa ricetta si può considerare errata.

    e vostro foto???proprio spaghetti….Un foto errato anche—

  • 6 domenico
    10 febbraio 2013 | 13:01

    Oggi in casa mi hanno proposto un bel primo, io intanto ho preparato il ragù come da ricetta e solo il profumo mmmmmmmmmmhhhhhhh, le unirò alle tagliatelle e ne uscirà un primo squisitissimo !!!!
    di sicuro farò un bel figurone….
    grazie per la ricetta è davvero unica e originale

    buon pranzo e buona domenica a tutti

  • 7 Alice
    10 febbraio 2013 | 19:20

    Grazie a te, Domenico! :) Buona domenica a te, spero che il pranzo sia andato bene!

  • 8 Gino
    23 aprile 2013 | 11:38

    Sto leggendo di tutto tranne che la ricetta ORIGINALE del ragù alla bolognese! Scusate ma l’olio d’oliva non esiste proprio!
    La pancetta stesa va fatta a dadini fini perché rilasci il grasso nel quale appassire il battuto di verdure, che devono esservi versate quando il tutto frigge alla grande e non mentre ancora la pancetta si sta squagliando.
    La carota deve essere della qualità gialla.
    La polpa di manzo deve provenire dalla cartella, la zona che separa i polmoni dallo stomaco, succosa e saporita che va rosolata A PARTE con l’aggiunta del vino.
    Solo in seguito verrà aggiunta al soffritto (e non viceversa) nella casseruola in cui si completerà la cottura! Aggiunta di brodo E LATTE FRESCO (poco), un po’ di pepe, il tutto possibilmente in casseruola di terracotta che garantisce una cottura migliore grazie alle sue proprietà di distribuzione del calore.
    Si tratta di una cottura lenta che verte ad amalgamare totalmente i sapori dei vari ingredienti, altri tipi di casseruola, anche antiaderenti, non grantiscono la stessa qualità di cottura.
    Il consiglio per una conservazione più lunga (fino ad una settimana in frigo) è quello di abbattere la temperatura a fine cottura nel più breve tempo possibile.
    Se messo in freezer e porzionato in appositi contenitori, può essere consumato di volta in volta per settimane.
    Scusate l’enfasi, ma fatico già a tollerare certe storpiature all’estero, figuriamoci in Italia dove per concetto il termine “originale” dovrebbe essere una garanzia e non un’interpretazione.
    Convengo che la ricetta sia tutt’altro che dietetica e per qualcuno possa risultare pesante, ma non mi sento di consigliare alcuna modifica poiché il tal modo non sarebbe più il “ragù alla bolognese”.
    La pasta più indicata è quella all’uovo: tagliatelle, papardelle, gramigna “paglia e fieno”.
    La pasta di solo grano è indicata purché ruvida/rigata, quindi gli spaghetti sono l’ultima cosa adatta al ragù bolognese. Li trovate effettivamente in tutti i ristoranti turistici come “spaghetti alla bolognese”….. un’invenzione appunto turistica, in quanto come ricetta non solo è “errata”, ma proprio NON ESISTE!
    Evidentemente a chi sente la necessità di variare una ricetta “originale” non piace a prescindere la ricetta “originale”, ma quelli cui l’ho proposta a tavola come tale son tornati tutti! :)

  • 9 cuoreblu2
    28 aprile 2013 | 09:33

    Buon appetito a tutti! :-)

    Gino ha ragione, e da napoletano e vomerese DOC anche a me da’ fastidio quando si ritoccano le ricette originali, sono il vanto e la tradizione popolare che ci rende unici e primi in cucina con i nostri prodotti di origini controllate.. altrro che fast food o cucina cinese o altro..
    ..e che dire, manca una manciata di Parmigiano Reggiano su quelle tagliatelle! :-)
    Concordo sulla pasta ruvida, fusilli o penne rigate tengono a cottura e magari se qualche ristorante non sa gestire la cottura delle taglatelle all’uovo. :-) che usi la pasta rigata.. ma non dimentichi il Parmigiano DOC REGGIANO

    Ciao. By Cuoreblu. Napoli

  • 10 veronica
    20 giugno 2013 | 10:16

    eppure Gino il portale ufficiale della cucina italiana non cita latte ed usa carne di manzo e salsiccia.Non solo,più o meno segue il procedimento di questa ricetta

  • 11 Carlo Conchedda
    30 novembre 2013 | 20:45

    Allora se vogliamo essere sicuri di un vero ragù’ alla bolognese il taglio della carne e’ relativo così’ come l’uso dell’olio di oliva o altro!!! Depositare un ricetta e farla promuovere anche dall’accademia della cucina con l’elenco degli ingredienti che a piacere farebbero usare la passata o i pelati e una cosa a dir poco oscena!!!! Il vero problema del ragù’ e’ mio avviso la tecnica di cottura…. che rende ogni ricetta piena di senso e tradizione. Chi sa di cucina oltre che di gastronomia sa’ che si deve usare la passata di pomodoro e che questa va fatta caramellare come sa’ ogni buon cuoco e che la cottura va’ fatta col latte per il tempo necessario ( almeno un ora e mezza o più’ sino alla giusta rastremazione) e che bisogna aggiungere per condire la pasta una noce di burro profumata. La cottura inoltre è’ importante avvenga in un tegame basso e a temperatura bassa e sopratutto scoperto in modo che l’acidità volatile non ritorni in pentola perché il ragu’ deve essere equilibrato con zero acidità e amabile naturale!!!!evviva la buona cucina abbasso la tradizione tanto per dire!!!! Mi stupisce l’Accademia!!!

  • 12 Carlo Conchedda
    25 dicembre 2013 | 10:10

    Era naturalmente il concentrato di pomodoro e non la passata. Mi scuso per l’errore!!!

Commenti

Sottoscrivi senza commentare

Annunci
Social
I Blog del Network
Doki Cucina Doki iTech Doki Woman Doki Fun Image Map




Creative Commons License